aps | rus | eng | tur | de | it | ar | esp | fr

Министр
Чирикба Вячеслав Андреевич

Контактная информация:
Адрес: ул. Лакоба 21, г. Сухум
Тел: +7 (840) 226-70-69
E-mail: visa@mfaapsny.org


Eine Kondolenz an den belgischen Außenminister im Zusammenhang mit dem Tod   unschuldiger Zivilisten als Folge der Terroranschläge

Viacheslav Chirikba gratulierte Sergej Lawrow zu seinem Geburtstag

Storia

Il popolo Abkhazo ha occupato queste terre per più di due millenni. Il territorio(così come molti nella regione del Caucaso) è stato conteso, conquistato e occupato da diversi imperi (mongoli, ottomani e russi) in tutto questo arco di tempo. Anche se è stata una storia sofferta, l'Abkhazia ha mantenuto la sua unica lingua, cultura e patrimonio.

L'impero greco stabilì svariati porti lungo la costa dell'Abkhazia, tra cui l'antica città di Dioscurias, l’odiernaSukhum. L’Abkhazia faceva parte del regno della Colchide e Egrisi, e fu sotto il dominio dell'Impero Romano fino al 4 ° secolo dC. Abkhazia divenne un principato autonomo sotto l'impero bizantino nel 7 ° secolo ed ebbe vari gradi di indipendenza nei secoli successivi. E 'stato sotto l'influenza bizantina che gli abkhazi adottarono il cristianesimo mentre l'Islam guadagnò maggiore influenza con l'ascesa dell'Impero Ottomano.

Nel 1810 l’Abkhazia fu incorporata nell'impero russo come un principato autonomo, autonomia che conservò fino al 1864. La guerra tra russi e circassi della metà del 19esimo secolo costrinse molti caucasici a fuggire verso l'impero ottomano e permise a russi e georgiani di emigrare in Abkhazia. Al crollo dell'impero russo, sia la Georgia che l'Abkhazia si affermarono come stati indipendenti, ma nel maggio 1918 la nuova Repubblica democratica georgiana occupò e inglobòl’Abkhazia. Dal 1918 fino al 1921, l’Abkhazia combattè una guerra di liberazione contro la Georgia, sostenuta da organizzazioni regionali caucasici.

Nel 1920 l’Abkhazia entrò a far parte dell'Unione Sovietica e fu concesso inizialmente pieno stato repubblicano, questo stato venne riconosciuto dalla Georgia sovietica. L'istituzione della Federazione Sovietica transcaucasica qualche tempo dopo, nel 1920 vide l’Abkhazia diventare un membro del trattato-alleanza con la Georgia (le due entità erano ancora repubbliche separate in questo momento). Questo stato fu poi minato da Joseph Stalin nel 1931, quando subordinò l'Abkhazia alla Georgia (la sua patria, naturalmente) e subito dopo iniziò la deportazione di massa dei cosiddetti 'georgiani' (principalmente mingreli e georgiani) in Abkhazia.

Nel periodo 1937-1953, l'Abkhazia fu privata del diritto di insegnare ai bambini nella propria lingua madre. Tutte le scuole abkhaze e gli istituti sono stati chiusi. Agliabkhazifu permesso di studiare solo nelle scuole georgiane. La scrittura Abkhaza (basata originariamente su alfabeto latino e poi in cirillico) fu modificata, contro la volontà del popolo dell'Abkhazia, ad una basata sui caratteri georgiani. Come risultato, dopo il 1938 l'Abkhazia fu privata del diritto di leggere i giornali, riviste e altra letteratura in lingua madre.

Come risultato della massiccia Georgificazione dell’ Abkhazia, dagli anni 1990, meno di un quinto delle persone in Abkhazia erano di etnia abkhaza. Nonostante il loro status di minoranza nel proprio stato, gli abkhazispinsero attivamente per l'indipendenza. Il periodo della perestroica (metà e fine degli anni 1980) sotto il leader sovietico Mikhail Gorbaciov ha dato agliabkhazi, così come ad altre minoranze sovietiche, un incoraggiamento a far valere le proprie ragioni circa il loro trattamento sotto il regime sovietico. Al termine di questo periodo (1990-91), la Georgia si ritirò completamente dall'Unione Sovietica e ha annullò tutta la legislazione sovietica. Annullò inoltre la legislazione che aveva subordinato l’Abkhazia al controllo georgiano. Il 23 luglio 1992, l’Abkhazia adottò la Costituzione del 1925, che di fatto dichiarava la propria indipendenza, anche se questo non fu riconosciuto a livello internazionale. I Georgiani risposero con l'aggressione militare nell'estate del 1992 ed il popolo di Abkhazia si difese fino a quando le forze georgiane si ritirarono nell'autunno del 1993. Durante la guerra del 1992-93, l'Abkhazia perse il 4% della sua popolazione, nonché gran parte delle infrastrutture e dei tesori storico culturali. Un cessate il fuoco è stato firmato tra le due parti nel maggio 1994.

L’Abkhazia ha adottato una nuova costituzione il 26 novembre 1994, dichiarando la sovranità nazionale, che non venne riconosciuta a livello internazionale. L’Abkhazia è stata bloccata dalla Georgia, Russia e Stati della CSI hanno emesso sanzioni economiche nel gennaio 1996. Ciò ha avuto gravi ripercussioni sulla crescita economica e lo sviluppo dell’Abkhazia.

Nel 2006, il presidente georgiano Saak'ashvili ha ancora una volta innalzato la tensione quando ha introdotto, con il pretesto di un'operazione di polizia, personale militare in quella parte di Abkhazia (l’UpperK'odor Valley) che era rimasta nelle mani georgiane dalla fine della guerra nel 1993. Ci furono dei piani di attacco per tentare un'altra incursione armata in Abkhazia nella primavera del 2008, ma, nell'agosto 2008, fu l’ Ossezia del Sud che diventò il fulcro dell'attacco militare georgiano. A quel tempo, l'Abkhazia e l'Ossezia del Sud chiesero l'assistenza del governo russo nel resistere agli attacchi dei militari georgiani. La Russia immediatamente rispose positivamente alla richiesta, e la minaccia georgiana fu respinta.

Dalla guerra dei cinque giorni del 2008, l'indipendenza dell'Abkhazia è stata pienamente riconosciuta dalla Russia, Venezuela, Nicaragua, Nauru, Tuvalu e Vanuatu.

Auf Abchasien

Ministerium

Außenpolitik

Konsularische Informationen

Artikel

Разработка сайта: Mukhus
Ministerium für Auswärtige Angelegenheiten der Republik Abchasien E-mail: info@mfaapsny.org; Tel: +7 (840) 226-70-69; Adresse:. Lakoba, 21